Pinterest

La storia del calcolatore

22 Pines19 Seguidores
Una storia per immagini dell'evoluzione del calcolatore che inizia molto prima di quanto si possa immaginare. L''esigenza di avere uno strumento di calcolo che si manifesta fin dall'antichità
Whirlwind fu progettato dal Massachusetts Institute of Technology e fu il primo computer ad operare in tempo reale come simulatore di  volo per i piloti. Le informazioni venivano per la prima volta mostrati su un monitor. Whirlwind venne sviluppato sotto la direzione del Semi Automatic Ground Environment della United States Air Force. Entrò in funzione nel 1951 e fu anche il primo computer il cui tempo di calcolo era prenotabile  per 15 minuti.

Whirlwind fu progettato dal Massachusetts Institute of Technology e fu il primo computer ad operare in tempo reale come simulatore di volo per i piloti. Le informazioni venivano per la prima volta mostrati su un monitor. Whirlwind venne sviluppato sotto la direzione del Semi Automatic Ground Environment della United States Air Force. Entrò in funzione nel 1951 e fu anche il primo computer il cui tempo di calcolo era prenotabile per 15 minuti.

L' EDVAC venne montato nel Ballistics Research Laboratory e divenne operativo nel 1951. L'EDVAC era un computer binario in grado di eseguire addizioni, sottrazioni, moltiplicazione, divisioni e disponeva di istruzioni per il controllo del flusso del programma. La memoria era di 1000 parole di 44 bit in seguito portata a 1024 parole. Il computer era formato da 6000 valvole termoioniche, 12000 diodi ed occupava 45,5 mq di superficie. L'EDVAC operò fino al 1961.

L' EDVAC venne montato nel Ballistics Research Laboratory e divenne operativo nel 1951. L'EDVAC era un computer binario in grado di eseguire addizioni, sottrazioni, moltiplicazione, divisioni e disponeva di istruzioni per il controllo del flusso del programma. La memoria era di 1000 parole di 44 bit in seguito portata a 1024 parole. Il computer era formato da 6000 valvole termoioniche, 12000 diodi ed occupava 45,5 mq di superficie. L'EDVAC operò fino al 1961.

EDVAC (Electronic Discrete Variable Automatic Computer) divenne operativo nel 1951. Questo calcolatore fu realizzato da  John Mauchly e J. Presper Eckert, gli stessi progettisti dell'ENIAC. EDVAC è uno dei primi computer a programma memorizzato della storia basato sul sistema di numerazioni binario. Nel 1960 l'EDVAC era in grado di eseguire operazioni senza errori per più di 8 ore al giorno.

EDVAC (Electronic Discrete Variable Automatic Computer) divenne operativo nel 1951. Questo calcolatore fu realizzato da John Mauchly e J. Presper Eckert, gli stessi progettisti dell'ENIAC. EDVAC è uno dei primi computer a programma memorizzato della storia basato sul sistema di numerazioni binario. Nel 1960 l'EDVAC era in grado di eseguire operazioni senza errori per più di 8 ore al giorno.

L'ENIAC da quando entrò in funzione fino alla suo pensionamento che avvenne nel 1955 bruciò 19000 valvole. L'ENIAC fu alla fine disattivato a causa dei continui guasti e dai costi di riparazione che divennero troppo elevati. Il calcolatore è conservato a Washington al museo Smithsonian Institution dove è esposto.

L'ENIAC da quando entrò in funzione fino alla suo pensionamento che avvenne nel 1955 bruciò 19000 valvole. L'ENIAC fu alla fine disattivato a causa dei continui guasti e dai costi di riparazione che divennero troppo elevati. Il calcolatore è conservato a Washington al museo Smithsonian Institution dove è esposto.

Il calcolatore ENIAC fu presentato nel 1946 e conteneva 18 mila valvole termoioniche. Fu in grado di moltiplicare il numero 97.367 per se stesso 5000 volte in meno di un secondo. La temperatura che si raggiungeva nella stanza superava i 50 gradi. Le dimensioni erano notevoli, occupava, infatti, una superficie di 180 mq e pesava 30 tonnellate. A causa del grande calore sviluppato dalle valvole  , queste non duravano a lungo, si calcolò che bruciava una valvola ogni 2 minuti.

Il calcolatore ENIAC fu presentato nel 1946 e conteneva 18 mila valvole termoioniche. Fu in grado di moltiplicare il numero 97.367 per se stesso 5000 volte in meno di un secondo. La temperatura che si raggiungeva nella stanza superava i 50 gradi. Le dimensioni erano notevoli, occupava, infatti, una superficie di 180 mq e pesava 30 tonnellate. A causa del grande calore sviluppato dalle valvole , queste non duravano a lungo, si calcolò che bruciava una valvola ogni 2 minuti.

L'esercito americano spinse il governo degli Stati Uniti a finanziare un progetto per avere un calcolatore in grado di elaborare le traiettorie balistiche dei proiettili di artiglieria. Da questa esigenza venne affidato ai due scienziati J. Mauchly e J. Eckert che, dopo ben 7.237 ore di lavoro nacque ENIAC. Alla sua prima accensione assorbi tanta energia che il quartiere ovest di Philadelfia rimase senza luce.

L'esercito americano spinse il governo degli Stati Uniti a finanziare un progetto per avere un calcolatore in grado di elaborare le traiettorie balistiche dei proiettili di artiglieria. Da questa esigenza venne affidato ai due scienziati J. Mauchly e J. Eckert che, dopo ben 7.237 ore di lavoro nacque ENIAC. Alla sua prima accensione assorbi tanta energia che il quartiere ovest di Philadelfia rimase senza luce.

La ABC (Atanasoff-Berry Computer) pesava 320 Kg, aveva 1,6 km di cavie e 280 valvole termoioniche, e assomigliava ad una grossa scrivania. La memoria della ABC era composta da 1600 condensatori montati in dei tamburi che ruotavano una volta al secondo. La macchina era in grado di fare 30 addizioni/sottrazioni al secondo.  Il clock era a 60 Hertz.

La ABC (Atanasoff-Berry Computer) pesava 320 Kg, aveva 1,6 km di cavie e 280 valvole termoioniche, e assomigliava ad una grossa scrivania. La memoria della ABC era composta da 1600 condensatori montati in dei tamburi che ruotavano una volta al secondo. La macchina era in grado di fare 30 addizioni/sottrazioni al secondo. Il clock era a 60 Hertz.

Atanasoff-Berry Computer (spesso chiamato ABC) fu progettata da John Vincent Atanasoff e Clifford E. Berry all' Iowe State University. Era il primo calcolatore totalmente elettronico che usava i numeri binari, l'introduzione del calcolo parallelo e le memorie rigenerative, da cui concettualmente sono derivate anche le moderne DRAM del nostri pc.

Atanasoff-Berry Computer (spesso chiamato ABC) fu progettata da John Vincent Atanasoff e Clifford E. Berry all' Iowe State University. Era il primo calcolatore totalmente elettronico che usava i numeri binari, l'introduzione del calcolo parallelo e le memorie rigenerative, da cui concettualmente sono derivate anche le moderne DRAM del nostri pc.

Il calcolatore Colossus aveva 1500 valvole e pesava più di una tonnellata. Colossus non poteva essere programmato e non aveva memoria. La sua funzione era di decriptare i messaggi dei tedeschi elaborando 5000 caratteri al secondo. Era in grado di decifrare 4000 messaggi al giorno.   In foto la replica funzionante completata nel 2007.

Il calcolatore Colossus aveva 1500 valvole e pesava più di una tonnellata. Colossus non poteva essere programmato e non aveva memoria. La sua funzione era di decriptare i messaggi dei tedeschi elaborando 5000 caratteri al secondo. Era in grado di decifrare 4000 messaggi al giorno. In foto la replica funzionante completata nel 2007.

Colossus costruito nel Regno Unito dalla Royal Navy durante la seconda guerra mondiale per decodificare i messaggi dei tedeschi.  Fu il primo computer ad usare valvole termoioniche al posto dei relè che ne consenti di aumentare notevolmente la potenza di calcolo. Il progetto del calcolatore e del matematico Max Newman basandosi sui principi della macchina di Turing.  Alla fine della guerra la macchina fu distrutta e i progetti bruciati.

Colossus costruito nel Regno Unito dalla Royal Navy durante la seconda guerra mondiale per decodificare i messaggi dei tedeschi. Fu il primo computer ad usare valvole termoioniche al posto dei relè che ne consenti di aumentare notevolmente la potenza di calcolo. Il progetto del calcolatore e del matematico Max Newman basandosi sui principi della macchina di Turing. Alla fine della guerra la macchina fu distrutta e i progetti bruciati.

Il Mark I era in grado di elaborare 72 numeri di 23 cifre decimali per ognuna e poteva eseguire 3 sottrazioni o addizioni al secondo.  Eseguiva una moltiplicazione in 6 secondi, una divisione in 15,3 secondi e un algoritmo o una funzione trigonometrica in più di un minuto.  Le istruzioni erano inserite nel calcolatore tramite delle schede perforate.

Il Mark I era in grado di elaborare 72 numeri di 23 cifre decimali per ognuna e poteva eseguire 3 sottrazioni o addizioni al secondo. Eseguiva una moltiplicazione in 6 secondi, una divisione in 15,3 secondi e un algoritmo o una funzione trigonometrica in più di un minuto. Le istruzioni erano inserite nel calcolatore tramite delle schede perforate.

Il Mark I era composto da relè, interruttori e frizioni e furono utilizzati 765.000 componenti e centinaia di chilometri di cavo.  Le sue dimensioni erano ragguardevoli, infatti, occupava una lunghezza dii 16 metri, un'altezza di 2,4 metri, una profondità di mezzo metro e pesava 4,5 tonnellate.

Il Mark I era composto da relè, interruttori e frizioni e furono utilizzati 765.000 componenti e centinaia di chilometri di cavo. Le sue dimensioni erano ragguardevoli, infatti, occupava una lunghezza dii 16 metri, un'altezza di 2,4 metri, una profondità di mezzo metro e pesava 4,5 tonnellate.

Il Mark I era uno dei primi computer digitali della storia, un calcolatore elettro meccanico che fu completato nel 1943.  Durante la seconda guerra mondiale fu di esclusivo utilizzo dal parte della marina statunitense e solo successivamente fu donato all'Università di Harvard dove rimase in funzione fino al 1959.

Il Mark I era uno dei primi computer digitali della storia, un calcolatore elettro meccanico che fu completato nel 1943. Durante la seconda guerra mondiale fu di esclusivo utilizzo dal parte della marina statunitense e solo successivamente fu donato all'Università di Harvard dove rimase in funzione fino al 1959.

Lo Z4 di Konrad Zuse fu il primo calcolatore elettro meccanico commerciale al mondo e in grado di eseguire 2 operazioni alla volta.

Lo Z4 di Konrad Zuse fu il primo calcolatore elettro meccanico commerciale al mondo e in grado di eseguire 2 operazioni alla volta.

La terza evoluzione del computer di Konrad Zuse è lo Z3, il primo computer completamente programmabile e del tutto automatizzato. La frequenza di clock va dai 5 ai 10 Hertz a 22 bit con calcolo in virgola mobile.  La macchina fu completa nel 1941 e distrutta nel 1944 durante i bombardamenti su Berlino.  Esiste una versione ricostruita negli sessanta perfettamente funzionante

La terza evoluzione del computer di Konrad Zuse è lo Z3, il primo computer completamente programmabile e del tutto automatizzato. La frequenza di clock va dai 5 ai 10 Hertz a 22 bit con calcolo in virgola mobile. La macchina fu completa nel 1941 e distrutta nel 1944 durante i bombardamenti su Berlino. Esiste una versione ricostruita negli sessanta perfettamente funzionante

L'evoluzione dello Z1 fu lo Z2 che si differenziava nell'uso di relè elettrici per la parte del calcolo aritmetico e di controllo.  Velocità di clock 3 Hertz e memoria a 32 bytes

L'evoluzione dello Z1 fu lo Z2 che si differenziava nell'uso di relè elettrici per la parte del calcolo aritmetico e di controllo. Velocità di clock 3 Hertz e memoria a 32 bytes


Más ideas
http://inventors.about.com/library/weekly/aa050298.htm  "In 1936, Konrad Zuse made a mechanical calculator called the Z1, the first binary computer. Zuse used it to explore several groundbreaking technologies in calculator development: floating-point arithmetic, high-capacity memory and modules or relays operating on the yes/no principle. "

http://inventors.about.com/library/weekly/aa050298.htm "In 1936, Konrad Zuse made a mechanical calculator called the Z1, the first binary computer. Zuse used it to explore several groundbreaking technologies in calculator development: floating-point arithmetic, high-capacity memory and modules or relays operating on the yes/no principle. "

Designed by the legendary German engineer Konrad Zuse, the Z4 computer was a follow-up to its pioneering predecessor, the Z3 computer he built in 1941 (the world’s first programmable, automatic computing machine). The Z4 used about 4,000 watts of power and ran at approximately 40 Hz. It had 64 32-bit registers, the equivalent of 512 byte of memory. One addition took 0.4 seconds.

Designed by the legendary German engineer Konrad Zuse, the Z4 computer was a follow-up to its pioneering predecessor, the Z3 computer he built in 1941 (the world’s first programmable, automatic computing machine). The Z4 used about 4,000 watts of power and ran at approximately 40 Hz. It had 64 32-bit registers, the equivalent of 512 byte of memory. One addition took 0.4 seconds.

Harvard Mark I Computer - Input-Output Details - Wikipedia, the free encyclopedia

Harvard Mark I Computer - Input-Output Details - Wikipedia, the free encyclopedia

#cs193p - Project #1 Assignment #1 Task #2 The second task of the first assignment/project adds the entry of floating point numbers to the calculator.  image by Venusianer [GFDL or CC-BY-SA-3.0], via Wikimedia Commons

#cs193p - Project #1 Assignment #1 Task #2 The second task of the first assignment/project adds the entry of floating point numbers to the calculator. image by Venusianer [GFDL or CC-BY-SA-3.0], via Wikimedia Commons

La macchina calcolatrice di Wilhelm Schickard realizzata nel 1623 dallo scienziato tedesco era in grado di eseguire sottrazioni e addizioni fino a 6 cifre. The sketch from the Württembergischen Landesbibliothek in Stuttgart

La macchina calcolatrice di Wilhelm Schickard realizzata nel 1623 dallo scienziato tedesco era in grado di eseguire sottrazioni e addizioni fino a 6 cifre. The sketch from the Württembergischen Landesbibliothek in Stuttgart

L'evoluzione dello Z1 fu lo Z2 che si differenziava nell'uso di relè elettrici per la parte del calcolo aritmetico e di controllo.  Velocità di clock 3 Hertz e memoria a 32 bytes

L'evoluzione dello Z1 fu lo Z2 che si differenziava nell'uso di relè elettrici per la parte del calcolo aritmetico e di controllo. Velocità di clock 3 Hertz e memoria a 32 bytes

computadora eniac - Buscar con Google

EDSAC, the first 'practical' civilian computer, turns 64

Vintage Rapid City Billboard "Hamm's Real Draft" c.1965

Vintage Rapid City Billboard "Hamm's Real Draft" c.1965

On June 14, 1951, "Univac I" was unveiled. It was a computer designed for the U.S. Census Bureau and billed as the world's first commercial computer. What challenging steps did it take to achieve launch day on a project like this one? It was likely that the developers did not fully realize the broad impact of their achievement in our society. If you believe in an idea or project today, stick to it and see it through to completion!    (Lee Ellis and Leading with Honor)

On June 14, 1951, "Univac I" was unveiled. It was a computer designed for the U.S. Census Bureau and billed as the world's first commercial computer. What challenging steps did it take to achieve launch day on a project like this one? It was likely that the developers did not fully realize the broad impact of their achievement in our society. If you believe in an idea or project today, stick to it and see it through to completion! (Lee Ellis and Leading with Honor)

Betty Snyder (foreground) programs ENIAC in the BRL building 328. (U.S. Army photo). ENIAC was the first Turing-complete general purpose programmable computer.

Betty Snyder (foreground) programs ENIAC in the BRL building 328. (U.S. Army photo). ENIAC was the first Turing-complete general purpose programmable computer.

The Lost 1984 Video: young Steve Jobs introduces the Macintosh” — The Original 1984 Macintosh Introduction

Young Steve Jobs Stars In Awesome Vintage Apple Video

The Lost 1984 Video: young Steve Jobs introduces the Macintosh” — The Original 1984 Macintosh Introduction

Mount Rushmore Workers http://blackhillsknowledgenetwork.org/

Mount Rushmore Workers http://blackhillsknowledgenetwork.org/

The Black Hills Flood of 1972 Image Montage. In a 6-hour time frame on June 9, 1972, a rush of water poured through Rapid City and canyons in the surrounding area, destroying homes, vehicles, businesses, bridges, and claiming 238 lives. Rapid Creek overtopped its banks at 10:15 p.m..  A short time later, Mayor Don Barnett urged the evacuation of all low-lying residential areas.  Canyon Lake Dam failed at 10:45 p.m., adding to the flood waters.

The Black Hills Flood of 1972 Image Montage. In a 6-hour time frame on June 9, 1972, a rush of water poured through Rapid City and canyons in the surrounding area, destroying homes, vehicles, businesses, bridges, and claiming 238 lives. Rapid Creek overtopped its banks at 10:15 p.m.. A short time later, Mayor Don Barnett urged the evacuation of all low-lying residential areas. Canyon Lake Dam failed at 10:45 p.m., adding to the flood waters.